Incontri a Bruxelles

3 MOTIVI CHE NON HAI MOLTI AMICI BELGA

Un paio di mesi fa un collaboratore ha deciso di tornare nel suo paese dopo aver vissuto in Belgio per diversi anni. Originariamente si era trasferito in questa terra a causa di un’offerta di lavoro molto attraente, ma dopo un po ‘si lamentava di tutte le piccole differenze culturali tra il suo paese e questo. Alla fine, la nostalgia di casa ebbe la meglio su di lui.

Tra le tante domande, ho chiesto della sua vita qui che avrebbe innescato la sua decisione di tornare a casa, ce n’era una sulla sua vita sociale, più in particolare su tutti i suoi amici belgi …

“Di quali amici belgi di cui parli? Oltre alle persone che lavorano, non esco con nessun belga! E non per scelta, dovrei dire! 

Ciò che seguì fu una piccola sfuriata su come i belgi stretti siano e quanto siano inospitali verso gli stranieri. Ok, probabilmente era una grande esagerazione, ma mi ha fatto pensare a un modello molto comune tra gli internazionali, che conosco, vivendo in Belgio: quando si parla dei loro circoli sociali, i belgi sono il gruppo minoritario. Ora, perché è quello? Sono uscito e ho chiesto a un gruppo di persone, compresi i belgi. Ecco cosa ho scoperto:

I 10 migliori siti di incontri belgi

  1. Incontri BE2
  2. Match4Me
  3. Nuova relazione
  4. 50 Plus Relazione
  5. Datazione SF
  6. Single Mama
  7. Single Papa’s
  8. Incontri maliziosi
  9. Victoria Milano
  10. Partner gay

1. I belgi hanno problemi con l’impegno …

incontri a Bruxelles

… significato, ne hanno solo troppi! Se c’è una grande lamentela che rende l’instaurazione di amicizie durature con i belgi una grande sfida per noi internazionali, è che raramente arriviamo a vederli.

Non penso di aver mai incontrato un gruppo di persone più amante dagli orari nella mia vita! Personalmente ho lottato con questo quando sono venuto per vivere in questo paese, specialmente da quando vengo da una terra dove potrei semplicemente telefonare ad un amico e fare piani estemporanei per la cena lo  stesso giorno !

Anche con la maggior parte dei fornitori di servizi, le cose accadono con un appuntamento (pensate a ottenere un taglio di capelli o una manicure) e raramente vi è un senso di urgenza (come quando si effettuano test diagnostici medici – Raggi X, risonanza magnetica, esami del sangue, ecc.).

La chiave per superare questa situazione è avere pazienza. Con tutti i mezzi, prendere l’iniziativa e tentare luoghi di ritrovo con i belgi. Quelli che ti interessano ti faranno sapere, anche se non ce la faranno. Tuttavia, se dopo un po ‘un cosiddetto “amico” non sembra rispondere a nessuno dei tuoi inviti, vai avanti. Probabilmente sono davvero bloccati sulla ragione numero 2.

2. I belgi amano davvero la loro zona di comfort

Chi non ama la loro zona di comfort? Tuttavia, i belgi a volte lo portano ad un estremo che molti internazionali trovano notevole.

Hai mai sentito come i belgi amano “stare vicino al loro villaggio”? Questo non si applica solo alla guida di 2 ore al giorno nel traffico, piuttosto che avvicinarsi al loro posto di lavoro. Significa anche essere vicini alle loro famiglie e agli amici che conoscono da sempre.

I belgi rappresentano un interessante contrasto tra una società molto progressista, (ad esempio, il Belgio è stato il secondo paese al mondo a legalizzare i matrimoni gay) contro una popolazione che brama la stabilità.

Forse la storia del Belgio ha qualcosa a che fare con questo. Dopo tutto, questo territorio, che conosciamo come il Belgio, è stato invaso / occupato da così tante persone nel corso della storia, non c’è da meravigliarsi se la sua gente brama il conforto dell’identità.

Mostrare un genuino interesse per la vita del tuo futuro amico belga (in un modo appropriato, non ostinato, ovviamente) può farla aprire e metterti in un posto nella sua cerchia ristretta! Ora, potresti non rendertene conto a causa della ragione numero 3.

3. I belgi sono così difficili da leggere

I primi anni in cui ho vissuto in Belgio sono stato molto, molto confuso dalle mie interazioni sociali con i belgi. Sembrano generalmente parlati in modo sommesso, con occasionali rant qua e là (di solito si lamentano di qualcosa). Nel complesso, non importa se si tratta di qualcuno di Bruxelles, della Vallonia o delle Fiandre, i belgi mi sono sembrati piuttosto insoddisfatti e generalmente freddi e distanti. Morbido, freddo e distante, insoddisfatto, eppure con abbastanza passione per il rant occasionale. Sembra contraddittorio? Questo è ciò che intendo per difficile lettura.

Lavorare con i belgi può essere sconcertante. Indipendentemente dal fatto che stiano acquistando o meno in quello che stai proponendo è un mistero. Se lo sono, di certo non mostrano molto entusiasmo in proposito!

Quando ci pensi veramente e analizzi la situazione, i belgi sono in realtà più schivi di qualsiasi altra cosa. Quante volte hai mai sentito i belgi cantare lodi chiassose su qualsiasi cosa o persona, compresi se stessi?

Alcuni (soprattutto belgi) dicono che è modestia. Altri (anche belgi) dicono che i belgi si sottovalutano. Qualunque sia, non rinunciare alla sfida di decifrare, se si tratta di un amico o un nemico.

Come per la maggior parte delle relazioni, costruire amicizie con i belgi richiede tempo e impegno (forse un po ‘più di sollievo, sudamericani), genuino interesse ed empatia.

Molti internazionali non ci provano nemmeno, perché sono qui solo per un breve periodo. Ma fare nuovi amici può essere una sfida anche per i belgi adulti. Alcuni di quelli con cui ho parlato, i circoli sociali che hanno avuto sin da piccoli non sono cambiati molto da adulti.

Continuo a pensare che inseguire amicizie belghe valga la pena provare. Alcuni di questi tratti generali dei belgi hanno una grande influenza positiva nel dipartimento dell’amicizia: sono veri, fedeli e quasi una delle persone più belle che tu abbia mai incontrato; anche se i loro programmi consentono solo di riunirsi una o due volte l’anno!

L’applicazione di appuntamenti che ti farà amare incontri

datazione a Bruxelles

A prima vista, il nuovo arrivato The Inner Circle, sembra un club di appuntamenti frequentato dai ragazzi più popolari a scuola, ma non saresti mai abbastanza bello da entrare. Ma quando guardi più da vicino è un’app per appuntamenti selettivi che attrae, ispira e giovani single intellettuali. Ogni membro è personalmente approvato, setacciare gli sprechi di tempo e le stranezze garantendo che tutti i membri siano persone reali con cui puoi divertirti e avere almeno una certa compatibilità.

 

Una volta che hai fatto il loro Inner Circle, i profili sono pieni d’oro. Puoi vedere il loro livello di lavoro e istruzione, una lista di passatempi preferiti, luoghi preferiti da visitare e anche stranezze individuali, quindi non ti chiederesti se a quel ragazzo carino piacciono i cani. E dimentica di aspettare una partita, puoi inviare immediatamente un messaggio a qualcuno che cattura il tuo sguardo.

Al suo interno, The Inner Circle è per individui impegnati, eccitanti e seducenti con una forte  joie de vivre  – il che spiega perché ci sono oltre 650.000 membri e più di 600.000 in lista d’attesa.

Proprio quando pensavi che non potesse essere più attraente, ospitano eventi mensili di incontri mensili nei luoghi più sexy e ricercati della città, sia The Back Room a New York, Ramses a Madrid, o The Box Soho a Londra. Perché a differenza di altre app di appuntamenti, The Inner Circle pensa a che cosa è il modo di colpirlo online se non si incontrano offline?

 

 Il Belgio è un posto bizzarro. Quelli di noi, che sono stati espatriati qui per un po ‘, dimenticano quanto possa sembrare strano ai nuovi arrivati. Oggi, la nostra collaboratrice ospite, Laura, condivide le sue osservazioni, dopo un anno di vita a Bruxelles.

Dopo un anno in cui sono stato con sede a Bruxelles, ho pensato che fosse tempo di riflettere (con leggerezza) sulla vita in questo Paese Basso …

1. Il tempo è mentale.

 Sono uscito dall’Eurostar nell’agosto del 2012 e ho camminato slap-bang nel mezzo del più estremo (e forse unico) ondata di calore che il Belgio abbia mai visto. Faceva così caldo che piangevo quasi – oh, OK, chi sto prendendo in giro? – Ho  fatto  piangere, in silenzio, in una toilette in Cafe Belga, con il viso premuto contro la relativa frescura del truciolare rivestito in PVC.

Ma poi avanti veloce per le settimane di neve; Non ho visto i marciapiedi per un mese. E la pioggia – Dio, la pioggia. Ho visto tutto, nelle sue molte, molte forme e, per esperienza, ingannevolmente, la pioggerellina è la cosa meno gradita. Oggi, mentre scrivo, ci stiamo preparando per un barbecue. Le temperature sono praticamente tiepide. Domani, la previsione prevede un acquazzone colato dal grasso. quando finirà questa follia?

2. I belgi AMANO i loro documenti.

 Non è un segreto che i belgi siano una razza burocratica, con un posto speciale nel cuore riservato a pezzi di carta importanti, firme, assegni di polizia e francobolli ufficiali. Ma non ho veramente  capito  esso. Poi ho avuto una conversazione con Admin Assistant X (conservo la sua identità solo perché ho paura che lei possa rintracciarmi e finirmi), nel seminterrato gioioso di Etterbeek Commune, che posso solo paragonare ad essere ferito da qualcosa di piccolo e brutto come, ad esempio, un ermellino.

3. La birra belga e gli snack da bar sono un trionfo della semplicità rispetto alla pignoleria.

Ma dopo un terrificante attacco dell’amministrazione civile c’è sempre la birra, gli spuntini del bar e la consapevolezza che una mezza pinta del 5% e un piatto di formaggio a cubetti, sale di sedano e senape è un   pasto serale del tutto appropriato . Alti e bassi.

4. La spesa oculata della spesa / essenziale di metà settimana nel quartiere europeo.  

Hai mai comprato un peperone nel Carrefour Express vicino a Place Lux? Io non lo consiglio. Ti costerà circa € 47.

5. Mannkein Pis è forse il più strano sito turistico del nord Europa.

Una prova: prova a spiegarlo a qualcuno che non è mai stato a Bruxelles.

6. Che niente mi terrorizza in modo simile alla vista degli ispettori della STIB che entrano in metropolitana. 

Anche quando so – lo  so  – il mio biglietto è stato convalidato. Sono solo io?

7. Street Parades. Bande musicali. Baffi incredibili Ovunque. Tutto il tempo.

 Da aprile a settembre, percorri una strada centrale di Bruxelles e potresti imbatterti in una di queste. Se sei fortunato, potresti trovarti presentato con tutti e tre.

8. Espositori per vetrine bizzarre. 

Festività pubbliche, festival pagani, qualsiasi cosa: i negozianti belgi sembrano essere orgogliosi di creare delle vetrine incongrue per commemorare l’occasione. Uova di Pasqua e montature per occhiali. Extension per capelli e pulcini gialli fluffy. Cruciverba sbiadito dal sole e cappelli di Babbo Natale. Una peculiarità belga particolarmente accattivante.

9. Matite Graffiti .

Sono dappertutto. I Brussels Runners hanno persino fatto un giro della Brussels Marathon Pencil con le 70 matite di graffiti in tutta la città. Alcuni sono volgari, alcuni sono dolci e alcuni sono … beh, strano. Guarda fuori, guarda su e guarda oltre i ponti per cercare di individuare quelli nascosti.

10. L’assenza di qualsiasi tipo di “salute e sicurezza”. 

Mio padre – un uomo che è stato impegnato per tutta la sua vita in un duro lavoro fisico che mi fa vergognare delle mie mani morbide – ha visitato Bruxelles lo scorso settembre. Esaminando la scena mentre gli operai hanno scavato la nostra strada, ha scosso la testa, confuso. “Non un solo casco, nessun occhialone, nessuna protezione per l’orecchio,” disse

POSSIBILITÀ – CONSIDERANDO DI TRASFERIRSI A BRUXELLES, BELGIO

Circa tre anni fa, proprio in quel periodo, Andrew e io abbiamo deciso di realizzare il nostro sogno di vivere in Europa. Stavamo lottando per ottenere il lavoro di ufficio, vendere la nostra casa e le nostre proprietà e trovare un posto temporaneo in cui vivere ad Amsterdam prima del nostro trasferimento definitivo in Belgio.

La nostra permanenza ad Amsterdam era piena di burocrazia e complicazioni. Ci sono state diverse volte che abbiamo pensato di arrenderci, ma alla fine le cose hanno cominciato a venire insieme. Tuttavia, durante tutta la confusione, ci siamo lasciati pochissimo tempo per trovare una casa permanente in Belgio.

Non avevamo idea di quale area in cui volevamo vivere. Non avevamo idea di come fossero le diverse comunità. In effetti, avevamo visitato Bruxelles solo per un lungo weekend, un anno prima che ci trasferissimo lì. Abbiamo deciso di assumere un esperto di delocalizzazione per aiutarci.

All’epoca sapevamo cosa volevamo: una casa indipendente con un cortile abbastanza grande per il nostro San Bernardo e una stanza abbastanza interna per Andrew, me stesso ei nostri quattro gatti.

Abbiamo avuto un fine settimana per andare a caccia di casa. Il nostro esperto di trasferimento ci ha mostrato sei case. Nessuno di loro corrisponde esattamente al conto. Come ultima risorsa ci ha mostrato una casa a schiera in un piccolo villaggio. Era il meglio di ciò che avevamo visto e abbiamo deciso di prenderlo.

Avanti due anni e mezzo ed eccoci qui, sempre a Everberg. Mentre ci piace ancora la nostra casa e l’area in cui viviamo, ora so che non l’avrei scelta se avessi potuto passare un po ‘di tempo in Belgio prima di stabilirmi definitivamente. Inoltre, dopo aver vissuto in Europa per un po ‘di tempo, abbiamo scoperto che i nostri bisogni e desideri in un luogo in cui vivere sono cambiati.

Dal nostro arrivo, il nostro San Bernardo è morto, annullando la necessità del nostro grande giardino. Siamo anche giunti alla conclusione che entrambi odiamo il lavoro in giardino. Anche se amo coltivare cose in vaso sul mio balcone, il mio vero giardino fiorito è seriamente trascurato.

Abbiamo anche scoperto che il nostro concetto di spazio canadese è cambiato dopo aver vissuto in Belgio. Per solo due persone, lo spazio in più nella nostra casa sembra ora sprecato, anche se la nostra casa canadese più grande sembrava al momento affollata e piccola.

Ma la nostra più grande ragione per considerare lo spostamento è convincere. Poiché non guido in Belgio, la mia libertà di andare e venire è stata limitata dal trasporto pubblico quasi inesistente da parte della nostra casa. A Andrew piacerebbe anche la flessibilità di non dover guidare ovunque, sempre.

Quindi, come soluzione, stiamo considerando di trasferirci nei limiti della città di Bruxelles. Attualmente nessuno di noi ha il desiderio di vivere nel centro della città. Pensiamo che un appartamento con un grande balcone, in uno dei comuni più distanti, che ha una stazione della metropolitana sarebbe il nostro ideale attuale.

Questa volta però, lo stiamo prendendo molto lentamente. Stiamo indagando sui quartieri che ci interessano, prendendoci il tempo di visitarli in momenti diversi della giornata. Stiamo anche verificando i servizi e il trasporto pubblico in queste aree. Soprattutto, stiamo facendo una lista dei nostri bisogni e desideri in una futura casa, con l’intenzione di attenerci il più possibile.

Trovo divertente che questa lista sia così drasticamente diversa dalla lista che abbiamo fatto quando siamo arrivati ​​in Belgio. Nessuno di noi avrebbe mai avuto l’idea di vivere a Bruxelles in quel momento, e dopo l’acquisto della nostra prima casa canadese, abbiamo giurato che avevamo finito con la vita in appartamento.

Ora vedo che è impossibile prevedere come le circostanze, i gusti e le esigenze cambino nel tempo. Forse questa mossa non accadrà, o forse il posto in cui finiremo sarà totalmente diverso da quello che immagino ora. Per il momento sto solo tenendo gli occhi aperti e aspettando la proprietà giusta per dire “Benvenuto a casa”.

 

Nel video qui sotto trovi un video di Youtube del famoso festival Tomorrowland in Belgio. Se puoi permetterti, vai lì per una festa con la tua data😉